Logo Dominustecum

Che cosa vi Ŕ di pi¨ dolce per noi, fratelli carissimi, di questa voce del Signore che ci invita? Ecco, il Signore, nella sua bontÓ, ci mostra il cammino della vita. RB, Prol 19-20

fotogallery
Monastero
Cistercense
Dominus Tecum

Lettera agli amici n. 35 - agosto 2022

24/08/2022

Lettera n.35                                                                                                              

15 agosto 2022, Solennità dell’Assunzione di Maria

 

Carissime amiche e carissimi amici di Pra ‘d Mill

Nel cuore dell’estate vi raggiungiamo con la nostra consueta lettera annuale, nella speranza che la pausa estiva conceda a tutti voi un tempo di riposo e di ripresa. Dopo anni resi incerti dalla pandemia, speravamo di cuore di poterci ritrovare quest’anno con la gioia di veder la fine di un tempo di prova che ha raggiunto in diversi modi la vita di tutti noi. Ed invece altre preoccupazioni sono ben presenti nel nostro orizzonte. L’instabilità politica nazionale e internazionale, la situazione climatica che tutti tocchiamo con mano sono elementi che forse si aggiungono a questioni personali che rendono più complicata la vita. Il tutto sembra insidiare la nostra speranza e ci verrebbe da chiedere quale orizzonte possiamo coltivare per rinnovare la nostra fiducia.

Con l’allentamento delle misure sanitarie molta gente ha ripreso a passare in giornata presso il nostro monastero, e molte sono le richieste di soggiorno alle quali purtroppo non sempre riusciamo a dare la nostra disponibilità. I passi di tanti che varcano la soglia della nostra chiesa sono per tutti noi una continua provocazione: questo monastero che ha ricevuto per provvidenza il nome del Dominus Tecum (Il Signore è con te) richiama l’interesse di tanti, che giungono qui per rinnovare la fiducia in un Dio che non ci abbandona.

Ma numerose sono anche le persone che cercano il Signore, sperando di poter sperimentare la presenza di un Dio che consola, che incoraggia, che perdona, che conferma la bontà dei passi che si tentano in una vita assai complessa. Allora noi che viviamo in questo monastero Dominus Tecum sentiamo tutta la responsabilità non solo di vivere in questo luogo per essere alla presenza del Signore e per cercarLo, ma sentiamo tutta la provocazione di vivere come testimoni della speranza in un Dio che continua ad essere fedele a questa umanità, che non abbandona nessuna delle Sue creature, e che continua a rendersi presente nella vita di ciascuno, in modo forse discreto e silenzioso. Il Signore continua a visitare la vita di ogni uomo e chiediamo per noi e per tutti gli uomini occhi capaci di cogliere il passaggio di Dio che si prende cura di tutti i suoi figli.

In quest’anno trascorso non possiamo negare l’abbondanza delle grazie divine con le quali il Signore ha visitato la nostra comunità. Innanzitutto tre eventi che abbiamo ricevuto come dono: l’ordinazione sacerdotale di fr. Amedeo in agosto 2021 e le professioni solenni di fr. Simone in ottobre 2021 e di fr. Cassiano in maggio 2022.

Per la comunità sono stati momenti di grazia che hanno visto la partecipazione di parenti e di amici e che sono stati anche occasione per rivedere diversi fratelli e sorelle di comunità monastiche amiche che si sono uniti alla festa e al nostro rendimento di grazie.

Ma non solo queste sono state le occasioni per rinsaldare la comunione monastica. Diversi sono stati i passaggi e le visite.

Innanzitutto siamo stati contenti di poter ospitare fr. Michelangelo di Chiaravalle di Milano che è con noi da novembre per un anno sabatico. In novembre fr. Emanuele insieme a madre Aline Marie, abbadessa di Castagniers, è andato a visitare la comunità di Rieunette e fr. Andrea ha condiviso alcuni giorni con i fratelli della comunità di Senanque. In febbraio abbiamo avuto la grazia di accogliere p. Michael Davide Semeraro della comunità benedettina di Rhemes Notre Dame, ora priore di Novalesa, per la predicazione degli esercizi spirituali. Con le sue riflessioni ci ha aiutato ad entrare nel Vangelo di Marco e nella vita di San Benedetto.

La festa di Tutti i Santi ci ha portato in dono il passaggio di tre fratelli della comunità ecumenica di Taizé accompagnati da alcuni giovani coinvolti nella preparazione dell’incontro internazionale dei giovani a Torino. È stato bello toccare con mano l’entusiasmo contagioso dei giovani che nasce anche dalla fiducia che i fratelli di questa comunità ripongono in loro!  In maggio, accompagnato da madre Monika Thumm, fr. Emanuele si è recato presso l’abbazia di Hauterive per la visita regolare. E sempre in questo mese abbiamo ospitato p. Alemayehu, della comunità di Mendida in Etiopia. È stato a Pra ‘d Mill per più di un mese per praticare l’italiano, ma è stata per noi una bella occasione per allargare i nostri orizzonti e conoscere la vita monastica in terra africana. Durante il suo soggiorno presso di noi, un incontro con alcuni amici del monastero legati particolarmente a quella terra ha fatto venire l’idea di allestire una mostra fotografica per sensibilizzare sulla delicata situazione religiosa e politica in Etiopia e per provare ad aiutare in modo concreto quella gente. Vi invitiamo a venire a vederla!

Alla fine del mese di giugno fr. Andrea e fr. Simone sono andati a visitare le comunità di Hauterive e de La Maigrauge in Svizzera, e sulla via del ritorno sono passati ad incontrare i fratelli della comunità benedettina di Evian. 

A luglio la comunità monastica di Bose e quella benedettina di Dumenza sono state rappresentate da Elia e Davide che sono passati a Pra ‘d Mill per prepararsi alla professione solenne, e madre Bénédicte, abbadessa dell’abbazia trappista di Éschourgnac in Francia, ha trascorso un tempo di ritiro e di riposo.

Ma non sono solo i fratelli e le sorelle del mondo monastico che hanno trascorso qualche giorno nella nostra valle dell’Infernotto. A novembre scorso fr. Filippo, dei frati cappuccini della provincia dell’Emilia Romagna e amico della comunità, è venuto a tenerci un corso sulla vita religiosa alla luce del Concilio Vaticano II.

Nel mese di gennaio abbiamo accolto fr. Ivan, superiore della comunità lituana della fraternità di Tibériade, giunto da noi per un tempo di riposo. Durante il suo soggiorno anche il suo superiore generale, fr. François, insieme a fratelli e sorelle in formazione in pellegrinaggio dal Belgio verso Assisi, sono passati da Pra ‘d Mill. Sebbene sia stato rapido, intensi sono stati i momenti di scambio.  In marzo è venuto a visitarci mons. Cristiano Bodo, vescovo della nostra diocesi, e diversi sacerdoti della diocesi di Saluzzo (e non solo!!) durante tutto l’anno sono passati con regolarità, e sono oramai di casa a Pra ‘d Mill. È bello sapere che questi nostri amici possano trovare un luogo di riposo e di ricarica presso le mura del nostro monastero.

In aprile Mons. Roberto Repole è passato dalla nostra comunità prima dell’ordinazione episcopale e anche per lui e per le diocesi di Torino e Susa a lui affidate si eleva la nostra preghiera. Ma sentiamo l’urgenza di sostenere con la nostra preghiera anche il delicato servizio del nostro caro fratello e amico Mons. Gabriele Caccia, Osservatore della Santa Sede presso le Nazioni Unite, che da New York è passato in giugno nella nostra piccola valle.

Anche le chiese di Vercelli, Pinerolo e Alba sono state presenti non solo nelle nostre preghiere ma anche nelle persone dei loro pastori. Mons. Marco Arnolfo e mons. Marco Brunetti sono venuti per far conoscere ad alcuni seminaristi delle loro diocesi la nostra comunità e mons. Derio Olivero ha condiviso la nostra vita e la nostra preghiera per qualche giorno. Siamo sempre grati a mons. Giuseppe Guerrini e don Lucio Casto che con costanza e discrezione si rendono disponibili per aiutarci nel camminare sulle orme di Cristo.  

In luglio è stato bello accogliere Slaven e Hubert della Comunità Cenacolo, venuti per il ritiro spirituale in vista dell’ordinazione diaconale. Raggiunti poi dal loro responsabile don Andrea abbiamo condiviso un momento insieme. Inoltre nel corso dell’anno altri piccoli gruppi della Comunità Cenacolo sono passati a trovarci per collaborazioni e conoscenza reciproca.

Segno di vera fraternità e stima reciproca in seno alla comune diocesi. Altri bei momenti di condivisione e di grazia sono stati gli incontri con la nostra amica ebraista Maria Teresa Milano, che ci ha presentato le figure delle donne nella Bibbia, e il piacevole pomeriggio con lo scrittore Nicola Brunialti che sr. Simona delle Pianzoline di Mortara ci ha fatto conoscere. In luglio abbiamo poi potuto ritrovarci con i nostri “amici romani”, capitanati dalla prof. Stella Morra, per condividere delle riflessioni attorno alla questione del “male”.

La vita della comunità prosegue con serenità e impegno. A parte la parentesi del Covid che ha recluso la comunità durante la settimana santa, tutti i fratelli stanno bene. Fr. Zeno, che da qualche mese ha cominciato una esperienza di vita eremitica, ha passato il testimone ai fratelli Amedeo, Paolo ed Isidoro, che aiutati anche da fr. Michelangelo, cercano di accogliere gli ospiti con ogni premura e attenzione. Fr. Paolo continua anche con i corsi di iconografia e approfondisce la sua formazione per acquisire sempre nuove tecniche. Fr. Isidoro invece continua a prendersi cura delle api e ha festeggiato i suoi 80 anni con un abbondante raccolto di miele.

P. Cesare anche quest’anno ha prestato servizio presso la Casa Generalizia dell’Ordine Cistercense, rientrando a Pra ‘d Mill in occasione delle festività e per l’estate. Ma dopo un breve passaggio a Roma nel prossimo mese di ottobre, rientrerà definitivamente a Pra ‘d Mill, venendo a dare man forte all’equipe dei foresterari, continuando a dare disponibilità nelle predicazioni, negli incontri e nell’accompagnamento spirituale di tanta gente. Aiuto prezioso e servizio fecondo!  Quest’anno è stato però per lui un anno segnato da lutti. Infatti due dei suoi fratelli sono tornati alla casa del Padre. Preghiamo per lui e per tutta la sua famiglia.

I fratelli Gabriele, Andrea, Simone e Matteo in modo affiatato collaborano per portare avanti la produzione e la vendita dei nostri prodotti gastronomici e lo fanno con sempre maggiore professionalità. Ma non si occupano solo di confetture! Tra i diversi servizi fr. Gabriele aiuta i fratelli della foresteria rendendosi disponibile per i colloqui. Fr. Andrea sta prendendo sempre più in mano la direzione del canto, fr. Simone si destreggia tra le migliaia di libri della biblioteca da catalogare e fr. Matteo prosegue negli studi.

I fratelli Bernardo, Cassiano e Alberto si spendono per fare di Pra ‘d Mill un luogo sempre più bello, accogliente e ricco di frutti. La produzione del frutteto di quest’anno è stata abbondante e le piante di meli e di mirtilli hanno ricompensato le cure e le attenzioni di fr. Bernardo e fr. Cassiano. Fr. Alberto invece cura con gusto e attenzione gli spazi verdi e sta avanzando nel sistemare l’area dove verrà creato un “sentiero biblico”.

Anche fr. Bernardo e fr. Alberto affiancano i fratelli dell’accoglienza nell’incontrare gruppi di giovani e meno giovani che passano dal nostro monastero.

Fr. Abramo oltre a “presiedere” le attività della cucina, si spende nel seguire i diversi cantieri che ci vedono coinvolti. In marzo abbiamo rimesso in ordine lo spazio antistante la cappellina per poter accogliere in modo più dignitoso e piacevole le celebrazioni all’aperto, che con l’avvento del COVID sono riprese regolarmente in estate. Attualmente stanno proseguendo i lavori di costruzione dell’invaso di raccolta delle acque per alimentare il sistema antincendio, mettendo così finalmente in sicurezza tutta l’area del monastero da eventuali incendi. E in previsione abbiamo la necessità di ristrutturare alcuni ambienti e di creare alcuni spazi per le attività lavorative della comunità, di cui abbiamo sempre più bisogno. In tutti questi cantieri stiamo investendo tante energie e tante risorse anche economiche, ma sono segni di una vita che avanza, segni di benedizione per cui eleviamo il nostro grazie al Signore. E grazie anche a quanti ci hanno aiutato e continueranno ad aiutarci. Infine un’altra bella notizia. La comunità cresce e proprio oggi, nella solennità dell’Assunzione di Maria, abbiamo la gioia di accogliere in noviziato fr. Agostino, entrato a Pra ‘d Mill i primi di gennaio.

Tante altre sarebbero le belle notizie che hanno caratterizzato questo anno ma ce le potremo comunicare di persona.

 

Quest’anno abbiamo pensato di organizzare due momenti.

Il primo appuntamento sarà per

Sabato 24 settembre 2022

Alle ore 16:00 ci sarà una tavola rotonda nella quale interverranno il prof. Claudio Ciancio, l’architetto Maurizio Momo e p. Cesare per riflettere insieme su senso e sull’attualità del saluto dell’Angelo a Maria: Dominus Tecum!

Alle ore 18:00 invece celebreremo il Vespro durante il quale daremo un più ampio spazio all’ascolto della Parola di Dio con un tempo di Lectio.

 

Il secondo appuntamento invece sarà

Domenica 25 settembre 2022.

Ci ritroveremo insieme per celebrare la consueta messa annuale per gli amici alle ore 10:30 e nel pomeriggio alle 16:00 un momento di meditazione in musica sulla Madre di Dio proposto dal coro InVocEnsemble.

E concluderemo la nostra giornata con il Vespro celebrato alle ore 18:00.

 

Sempre riconoscenti a quanti ci aiutano in diverso modo, cerchiamo di ricambiare assicurando la nostra preghiera per voi e per tutti coloro che ci sono affidati, in particolare coloro che stanno attraversando momenti difficili e di prova.  Uniti in una profonda amicizia, speriamo di vedervi presto e di unirci nella comune preghiera al nostro Dio Buono e ricco di Misericordia. 

 

 I vostri fratelli di Pra 'd Mill